“Il profumo di una vita, in viaggio per il mondo”

Sulla Strada Statale, che collega Taranto a Reggio Calabria a 150metri dal mare, sorge un antico casale in pietra risalente al 1899, oggi conosciuto come “La Cascina”, un ambiente elegante e rustico, immerso nel verde. Proprietaria da tra tre generazioni è la famiglia Agostino, la stessa che dalla fine dell’800 ad oggi porta avanti un’antica tradizione, quella della ristorazione e l’arte della lavorazione del Bergamotto. Proprio tra le numerose piante di Bergamotto e lo splendido panorama che la costa Jonica offre ho il piacere di incontrare l’attuale proprietario e gestore della Cascina, il Signor Salvatore Agostino impegnato nel suo lavoro, ma che allo stesso modo riesce a rendersi disponibile a rispondere a qualche mia domanda e curiosità riguardante la sua azienda di famiglia.

Il Sig. Agostino mi fornisce subito qualche informazione basilare per aiutarmi a capire meglio di cosa si occupa la sua famiglia da così tanti anni. Mi parla di quello che nella regione Calabria viene considerato un vero e proprio tesoro “l’oro Verde”, Il Bergamotto.

Questo tipo di Agrume definito dal popolo turco con il termine “Berg-Amundi”, oggi viene coltivato nel territorio calabrese, coprendo il 95% della produzione mondiale. Mi spiega come le numerose proprietà di questo frutto, studiato tutt’ora da numerosi ricercatori presso l’Università di Oxford, Il Bergamotto viene considerato come uno dei rimedi più efficaci e naturali per la cura del colesterolo, un antiossidante in grado di rallentare e prevenire l’invecchiamento cellulare, ma non solo grazie al suo particolare profumo, da moltissimo tempo è diventato un elemento essenziale per l’industria profumiera. Dopo queste prime informazioni, faccio alcune domande al Sig.Agostino sul suo percorso lavorativo che ha portato la sua azienda ad essere una delle più antiche e prestigiose aziende presenti nel territorio.

Come viene impiegato all’interno della sua azienda il Bergamotto?
Dopo la Rivoluzione Francese, numerose ricette che prevedevano l’utilizzo del Bergamotto sono andate perse, perciò la Cascina ispirandosi ad antiche esperienze, ha restituito il Bergamotto alla gastronomia brevettando il liquore “Crema di Bergamotto” e riproponendo una numerosa lista di prodotti, che si collegano alla tradizione come: marmellate, cioccolatini, miele, amaretti, colombe e panettoni artigianali.

La Cascina si divide in due parti “La Casina “ come punto di ristorazione e “La Cascina 1899” come azienda produttrice di prodotti tipici, che cosa l’ha spinta a portare avanti la tradizione di famiglia?
La Passione penso sia l’elemento fondamentale per poter portare avanti questo lavoro, penso che si nasca per fare alcuni tipi di lavoro come si dice, li hai nel sangue.Mi sono laureato in Ingegneria Gestionale, ho lavorato come assistente di impianti elettrici, ma non sono riuscito a fare quel lavoro, sono ritornato qui la passione per questo mestiere mi è stata trasmessa fin da bambino ed ora eccomi qua a portare avanti questa lunga tradizione.

Negli ultimi anni la nostra società ha subito dei forti cambiamenti, le tecnologie di comunicazione si sono sviluppate ma allo stesso modo sono diventate più semplici e veloci da utilizzare, tanto che ha permesso alle culture di altre nazioni di farsi conoscere all’interno del nostro Paese, questo fenomeno ha influenzato il suo modo di lavorare?
Per quanto riguarda la cucina ci siamo adattati ai tempi e alle esigenze del cliente”straniero” invece per quanto riguarda la produzione dei nostri prodotti, il nostro mercato si è espanso in 9 paesi del mondo tra cui l’Australia, la Svezia e Stati Uniti, ci siamo messi in gioco cercando di adattare i nostri prodotti in base alle preferenze e ai gusti di questi paesi.

Qual è la cosa che ama di più in assoluto di questo lavoro?
L’approccio con il pubblico, il mio lavoro mi riempie di soddisfazioni ogni giorno e non solo a livello economico ma soprattutto a livello umano.
Ha un consiglio da dare a un giovane che vorrebbe portare avanti una tradizione di famiglia?
Impegnarsi nel proprio settore, continuare a studiare, io studio tutt’ora cerco il confronto con altri ristoranti per poter capire e far crescere il mio, continuo a studiare l’ambiente che mi circonda il prodotti che offre il mercato e la cucina.

Marta Padovani.

Marta Padovani Redattore

Laureanda in Scienze e Tecnologie della Comunicazione presso l’Università di Ferrara è impegnata da diversi anni con il mondo dell’arte , attraverso la figura del Make up Artist, ha lavorato per note case di Moda e Cosmesi, ha collaborato e collabora tutt’ora con giovani artisti.

SHOWHIDE Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Positive Magazine numero 3 – compralo ora dal nostro sito