Now Reading:
Vivienne Westwood FW2016
Full Article 2 minutes read

Vivienne Westwood FW2016

Di Stefano Guerrini
Foto: Chiara Tiraboschi
Dopo aver fatto parlare giornali e web negli stessi giorni della Fashion Week milanese per il lancio della nuova campagna pubblicitaria con protagonista il pornoattore Colby Keller, fotografato anche in full frontal da Juergen Teller, in passerella Vivienne Westwood riporta il suo uomo che flirta con ambiguità e stile no gender, anche un total look con abito femminile fra gli altri, che però non sconvolge il popolo dei fan della designer inglese.
A sfilare non c’è Keller, ma Dustin, l’altro modello della campagna, ormai uno dei preferiti della stilista per cui sfila già da qualche stagione, appare con la sua falcata rock e accanto a lui una serie di figure al maschile che comprendono bellezze classiche, il supermodel italiano Fabio Mancini, e figure più istrioniche, come Olivier Langhendries, in passato ospite di “Quelli che il calcio” con le sue decorazioni floreali.
La collezione prevede volumi over, nella maglieria e nelle giacche dalle spalle che scendono, capi che faranno felici i fashion addicted come il giubbotto in shearling salmone da mettere con il maglione arcobaleno o il completo sartoriale rosa, ma anche pepli monospalla da indossare su pantaloni skinny tartan, canotte in maglia dal grande scollo per chi vorrà mostrare i pettorali e persino un abito in lamè. Ma non deve distrarre tutta questa predisposizione per il mix and match, per lo sberleffo al guardaroba classico, in uno styling creativo e divertente, citazioni stico come classico della Westwood di passate ere storiche, c’è il gessato sui toni rossi, il cardigan oversize, la tuta dai disegni tappezzeria, che sarà un must-have. Perché una cosa ci è sempre piaciuta della stilista inglese: la capacità di affascinare i più eccentrici, come quella di vestire anche il club kid o il professionista della City. Gli eccessi servono a veicolare messaggi, poi viene la qualità del prodotto. Amiamo la Westwood per la capacità di fondere entrambe le vie.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Input your search keywords and press Enter.