Now Reading:
Non solo fake. La memoria del web smaschera le bufale dei politici.
Full Article 2 minutes read

Non solo fake. La memoria del web smaschera le bufale dei politici.

bufale

[dropcap type=”1″]O[/dropcap]ggi, giustamente, il direttore dell’agenzia di stampa Agi, Riccardo Luna, mette sotto la lente d’ingrandimento l’enorme diffusione che ha avuto sui social la dichiarazione-bufala del neo premier Gentiloni (“gli italiani imparino a fare sacrifici e la smettano di lamentarsi”) per lanciare il suo allarme da Digital Champion italiano (“E’ un problema per tutti noi se condividiamo delle notizie palesemente false e che alimentano un odio sociale. Perché con l’odio una comunità si sgretola”).

[quote_box name=””]Proprio in questi giorni turbolenti per la politica italiana, il web ha tuttavia garantito un momento di verità, riportando a galla le dichiarazioni autentiche di esponenti politici che alla fine si sono rivelate fasulle. Bufale in piena regola.[/quote_box]

Maria Elena Boschi
Foto in CC / Flickr Palazzo Chighi

Ha spopolato su tutti il video di Maria Elena Boschi che nel maggio scorso, giurò in tv, a Maria Annunziata e agli italiani, che si sarebbe ritirata addirittura dalla politica in caso di sconfitta al referendum costituzionale. Alla fine invece, malgrado la batosta del 4 dicembre, si è ritrovata a giurare davanti al Capo dello Stato, per il suo ingresso nel governo Gentiloni.

E, giustamente, la dichiarazione vera che però si è rivelata un fake alla prova dei fatti, è stata giudicata largamente con un pollice verso. Il web dunque ha saputo dare, attraverso la sua sterminata memoria, un contributo di trasparenza senza ombra di dubbio.

Se i cittadini-utenti del web devono assumersi la piena responsabilità dei contenuti che condividono, di altrettanta responsabilità devono farsi carico i politici. Prendendo coscienza che le parole hanno un significato e un peso, un valore di verità che non può essere contestualizzato e limitato ai pochi secondi in cui parlano o in cui dettano veline sotto forma di comunicati.

Oltre la spessa coltre di bufale, la memoria del web rappresenta una lezione politica per i politici.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Input your search keywords and press Enter.