Now Reading:
Siena International Photo Awards 2017
Full Article 3 minutes read

Siena International Photo Awards 2017

Siena

[dropcap]L[/dropcap]a risposta al contest rimane immutata: ‘Beyond the Lens’ – la mostra che raccoglie i migliori le foto del ‘Siena International Photography Awards’- ha raccolto più di 45 mila immagini, tra scatti di opere di fotografi professionisti, dilettanti e amatori internazionali. La cerimonia di premiazione avverrà sabato 29 ottobre: durante l’evento verranno assegnati i riconoscimenti ed il premio di Photographer of the Year SIPAContest 2017, assegnato da una giuria internazionale composta da nomi noti del mondo della fotografia, tra questi Timothy Allen, Dave Black, Alex Noriega, David Lazar, Adrian Dennis, Sophie Stafford, David Shultz e molti altri.
Lo spazio espositivo risale alla prima metà del ‘900 ed è caratterizzato dal suo aspetto fortemente industriale, cornice ideale per le immagini vincitrici del SIPAContest 2017 – più una selezione delle più belle foto in concorso -.

© A Man Feeding Swans in the Snow, Marcin Ryczek
Per gentile concessione di SIPAContest

Le dieci categorie di quest anno sono: libero colore, libero monochrome, viaggi & avventure, persone e volti accattivanti, la bellezza della natura, animali nel loro ambiente naturale, architettura e spazi urbani, sport in azione, portfolio storytelling. Tra questi spicca  “il ghiaccio fragile”, tema dell’anno 2017 – una questione estremamente dolorosa.

© La colomba, Maurizio Tieghi
Per gentile concessione di SIPAContest

Durante il mese sarà possibile immergersi nel mondo della fotografia grazie a workshop, photo tour ed eventi. Ad esempio il 27 ottobre sarà presente Marianna Santoni, docente in Italia ed all’estero ed esperta di “Photoshop e Lightroom”, e non solo, ha infatti all’attivo premi e riconoscimenti per sua ricerca e la sua carriera.
Ancora una volta, importanti nomi internazionali arricchiscono il programma senese: Randy Olson e Ami Vitale che presenteranno le spettacolari immagini realizzate per la rivista National Geographic. Il lavoro di Olson è focalizzato sulla scoperta di angoli remoti del pianeta, luoghi spesso inospitali nei quali l’uomo ha saputo adattarsi, lottando per la propria sopravvivenza. Mentre Vitale, reduce da un percorso estenuante – che l’ha vista contrarre la malaria, vivere in capanne di fango, e molto altro – mostrerà le immagini realizzate allo stremo delle proprie forze, confine della debolezza provato anche dal Pianeta.
Ad un nostro connazionale, Giorgio Bianchi, spetta il compito di raccontare con le proprie imagini la guerra in Ucraina, conflitto apparentemente invisibile nei notiziari locali, ma che viene combattuto con estrema violenza dal 2014.

Per maggiori informazioni clicca qui.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Input your search keywords and press Enter.